CONEGLIANO
Palazzo Sarcinelli
« Cima da Conegliano. Il poeta del paesaggio » è il titolo della mostra, la prima che la città dedica al suo artista a quasi cinquant?anni dall?ultima esposizione delle sue opere curata da Luigi Menegazzi e allestita da Carlo Scarpa nel Palazzo dei Trecento di Treviso. Una mostra celebrativa, allestita da Artematica a Palazzo Sarcinelli fresco di restauro, che gode del patrocinio di Comune, Provincia e Regione ed è curata da Giovanni Carlo Federico Villa, coadiuvato da un comitato scientifico composto dai maggiori studiosi italiani e stranieri del Cima da Conegliano quali Peter Humfrey, David Alan Brown, Mauro Lucco e Matteo Ceriana. Ma anche una mostra esclusiva, che vanta la presenza di quaranta lavori dell?artista provenienti dai più prestigiosi musei del mondo: dall?Hermitage di San Pietroburgo « L?Annunciazione »; dalla National Gallery di Londra « San Girolamo nel deserto » e altre tre opere; dalla National Gallery di Washington « La sacra conversazione »; dal Museo Puskin di Mosca « Deposizione ». A queste va aggiunta un?opera attribuita a Cima solo nel 1899.
« Dopo Giovanni Bellini ed il Carpaccio, e prima di Giorgione, il pittore prediletto di Venezia rimase Cima da Conegliano; né ciò deve stupire, nessun maestro del tempo sapendo rendere al pari di lui l?atmosfera argentea che leggera e ampia bagna il paesaggio italiano ». Così Bernard Berenson, autorevole storico dell?arte, descriveva nel 1919 Giovanni Battista Cima, detto Cima da Conegliano (1459/60-1517/18).
« Negli anni Novanta del Quattrocento è Cima, accanto a Giovanni Bellini, il grande inventore dei cieli e del paesaggio italiano » spiega il curatore della mostra « reso con una poesia capace di valicare i secoli ed essere ancora attualissima, in valli e rocche definite dall?intensità di albe e tramonti che saldano uomini e natura in indissolubile unità. Da qui nasceranno Giorgione, Tiziano e la fondamentale stagione del Cinquecento veneto ».
La mostra, accanto alla produzione incentrata sulle rappresentazioni sacre, testimoniata da una scelta dei principali prototipi della devozionale « Madonna con il Bambino » e da alcune tra le più importanti pale d?altare tra cui la « Madonna in trono con il Bambino tra i Santi Giacomo e Girolamo » della Pinacoteca civica di Palazzo Chiericati di Vicenza, pone l?accento anche sull?importante produzione mitologica, in alcuni casi orientata alla creazione di cassoni nuziali; mentre una specifica sezione è dedicata alla grafica con l?esposizione di una decina di fogli attribuiti nel tempo al Cima.
CIma da Conegliano
dal sito www.italiarestauro.it
Cima da Conegliano e il paesaggio
Informazioni – contatti
Firenze Musei tel. 800775083
info@cimadaconegliano.it
www.cimaconegliano.it
Cima da Conegliano, poeta del Paesaggio
Conegliano, Palazzo Sarcinelli
via XX Settembre, 132
Orario
Lunedì, martedì, mercoledì, giovedì:
10.00 – 20.00
Venerdì: 10.00 – 22.00
Sabato e domenica: 9.00 – 20.00
La vendita dei biglietti sarà sospesa 45 minuti prima della chiusura della mostra.
Ingresso
10,00? Biglietto intero (noleggio audioguida incluso)
8,00? Biglietto ridotto (noleggio audioguida incluso):
studenti fino a 26 anni con tessera o libretto universitario, over 60, tesserati TCI, soci FAI, soci ARCI, soci CTS, possessori biglietto della mostra « Jacopo Bassano e lo stupendo inganno dell’occhio ».
7,00? Biglietto ridotto gruppi:
solo se prenotati, da 15 a 25 persone (capogruppo a ingresso gratuito).
5,00? Biglietto ridotto speciale: (noleggio audioguida incluso): minori di 18 anni, soci Unpli
5,00? Biglietto ridotto scuole: scuole solo se prenotate fino a 25 partecipanti (due accompagnatori a ingresso gratuito).
Ingresso gratuito: bambini fino a 5 anni, disabili con accompagnatore.
Speciale Biglietto Famiglia: ridotto 8,00? per gli adulti (per nuclei formati da 2 adulti e almeno 1 minorenne).

Laisser un commentaire

0

Your Cart