Terra Cognita

La poesia e i paradossi della quotidianità nell’arte di Gabriel Orozco
Fotografia, scultura e pittura convergono nell’ universo artistico di Gabriel Orozco (1962, Jalapa, Messico) volto a ricostruire (o decostruire) il paesaggio quotidiano secondo una visione straniata, attenta agli aspetti casuali ed alle coincidenze. Artista cosmopolita privo di un atelier fisso, Orozco questo tipo di ispirazione dai luoghi diversi dove vive e lavora. Elementi del paesaggio ma anche del corpo umano e dell’universo familiare vengono combinati in una ricerca plastica che integra arte e realtà. Questa mostra, che comprende, oltre alle opere più famose come celebre “La DS” (la Citroën stretta), anche pezzi nuovi ed inediti, è un’ottima occasione per scoprire il lavoro di un artista già affermato ma al contempo ancora in piena evoluzione. D’altro canto lo stesso Orozco ha partecipato all’allestimento dell’esposizione che si tiene nella galleria sud, laddovè le pareti trasparenti danno direttamente sul marciapiede, in un sorta di interazione con la città e con i suoi abitanti.
www.centrepompidou.fr
Gabriel Orozco, “La DS”, 1993
© ADAGP, 2010
Gabriel Orozco al Centre Pompidou
Prove in studio del Don Pasquale di Donizetti, per la regia di Denis Podalydès e la direzione di Enrique Mazzola. 6 rappresentazioni dal 13 al 23 febbraio 2012
Terra Cognita
Centre Pompidou
Place Georges Pompidou – 1° arr. Paris
Metro
Rambuteau, Hôtel de Ville, Châtelet (linee 1, 4, 7, 11, 14)
Orario
tutti i giorni 11.00 – 21.00; chiusura: martedì
Biglietti
intero 10 euro/12 euro, ridotto 8 euro/10 euro secondo il periodo

Lascia un commento