La città fertile

Una mostra sul rapporto tra panorama urbano e mondo naturale approfondisce gli aspetti sociali, culturali ed ecologici della questione
Si tratta di un’esposizione molto originale e stimolante che si divide in due parti. La prima, intitolata, “l’oggetto del desiderio” e mostra attraverso una serie di scenografie di tipo teatrale come il nostro immaginario urbano sia carico di riferimenti al mondo naturale e di altrettanti suoi surrogati. Tutto ciò è illustrato da 16 progetti francesi e internazionali attraverso i quali il visitatore sarà condotto a New York (Governor?s Island – WEST8 et High Line – designed by James Corner Field Operations with Diller Scofidio + Renfro) a Parigi (Forêt linéaire – agence TER et François Leclercq), a Monaco (Allianz Arena – Herzog et de Meuron / VOGT) a Beyruth (Mausolée Hariri – Marc Barani) a (Détroit, des bords de Seine (Ilex), a Costanera in Argentina?
La seconda parte si occupa invece delle realizzazioni volte mettere in pratica il recupero della natura in ambito urbano.
www.archietbd.citechaillot.fr
www.citechaillot.fr
© Paysages Actualités
« La ville fertile », hors-série de Paysage Actualités
Presentazione di Ville fertile
La Ville fertile
Palais de Chaillot (Cité de l’Architecture et du Patrimoine)
1 place du Trocadéro
75016 Paris

Trova su Google Maps

Metro
Trocadéro (linea 9)
Orario
tutti i giorni 11.00 – 19.00; giovedì notturno fino alle 21.00; chiusura: martedì
Biglietti
Intero 8 euro, ridotto 5 euro; gratis sotto i 12 anni

Lascia un commento