Ascese e cadute del Liberty nella storia
L’estetica inventata alla fine del XIX secolo dalla corrente artistica detta Art Nouveau (Liberty in Italia o Jugendstil in Germania) gode di una fortuna piuttosto duratura oltre che ciclica. Abbandonata e screditata nel corso di alcuni decenni essa fu ripresa prima dai Surrealisti negli anni ’30 e poi, in maniera particolarmente articolata, negli anni ’60. In quest’ultimo periodo influenzò, l’arredamento, la moda, la grafica pubblicitaria, il cinema e persino l’immaginario psichedelico. Questa mostra si ripropone di ripercorrere la storia di questo ritorno dell’Art Nouveau e di analizzare come la sua estetica sia stata assunta e rielaborata in maniera e secondo finalità diverse. In qualche maniera con il Surrealismo e l’estetica anni ’60 l’Art Nouveau e i suoi canoni estetici divengono una sorta di baluardo contro l’eccessiva freddezza del razionalismo, ma al contempo in alcuni ambiti aspirano a fondersi con esso pur rivendicando alla ricerca di un equilibrio tra rigore geometrico e biomorfismo curvilineo.
www.musee-orsay.fr
Antoni Gaudí (1852-1926)Specchio da muro1906-1910Vetro bisellato su anima di legnoCm 52 x 31Parigi, museo d’OrsayDonazione di Pedro e Kiki Uhart, 2002© RMN (Musée d’Orsay) / René-Gabriel Ojéda
Verner PantonPhantasy Landscape, Cologne, Visiona 2© Verner Panton Design, Bâle, Suisse
Clovis TrouilleLe Palais des Merveilles, Hommage au Modern’Style1907-1960La Celle-les-Bordes, collection particulière© ADAGP, Paris 2009 – Photo Claude Caroly
I Beatles sono psichedelici quindi anche un po’ Art Nouveau
Art Nouveau Revival
Musée d’Orsay
1 rue de Lille, 7° arr Paris

Trova dove su googlemaps

Metro
Assemblée Nationale o Solférino (linea 12)
Orario
Tutti i giorni 9.30 – 18.00; giovedì 9.30 – 21.45; chiusura lunedì
Biglietti
intero 9,50 euro, ridotto 7 euro (dal 19 ottobre al 4 febbraio 2010

Laisser un commentaire

0

Your Cart