Magico illusionista

Dall’autore di « Appuntamento a Belleville » un nuovo strepitoso cartone per grandi e piccini
Un vecchio prestigiatore sul viale del tramonto lascia i locali parigini per andare ad esibirsi prima a Londra e poi in Scozia dove incontra una ragazzina che crede che lui sia veramente un mago. Insieme si trasferiscono ad Edimburgo dove l’illusionista rimedia ingaggi sempre più precari ma continua a coprire di doni la fanciulla che ha praticamente addottato. Una storia un po’ alla Charlot, tenera e malinconia ma non priva di humor ed ironia. Di fatto la trama è basata su un soggetto mai realizzato di Jacques Tati e consiste in un piccolo racconto che forse avrebbe potuto essere più incisivo ma che alla fine si riscatta con un messaggio forte. D’altro canto ciò che di questo film ha di veramente eccezionale è in primo luogo la capacità di rappresentare attraverso il disegno città e paesaggi assolutamente strepitosi con taglio al contempo registico (riprese a volo d’uccello, campi e controcampi) e pittorico. Le immagini di Parigi, Londra e Edinburgo, così come quelle delle isole scozzesi sono decisamente suggestive ed emozionanti in quanto combinano una rappresentazione realistica incredibilmente dettagliata con la capacità espressiva del disegno. In secondo luogo è straordinaria anche la capacità di introspezione e di rappresentazione delle psicologie dei personaggi. Con pochi tratti ed una mimica piuttosto ridotta i personaggi assumono connotazioni caratteriali forti che li rendono molto accattivamenti. Nessun problema per chi non parla francese, questo film è quasi muto e, d’altro canto, non è certo se uscirà in versione italiana.
www.lillusionniste-lefilm.com
Il trailer de L’illusionniste
L’illusionniste
Per trovare film, cinema e orari a Parigi, vedere Pariscope (settimanale a 40 centesimi in tutte le edicole il mercoledì) oppure www.fra.cityvox.fr alla voce cinema

Laisser un commentaire