Moebius-Transe-Forme

La prima grande mostra parigina sull’artista che ha saputo coniugare il fumetto con la pittura
Icona del fumetto, Moebius (e Gir), al secolo Jean Giraud, ha inventato forme straordinarie che hanno oltrepassato i limiti tradizionali di questa forma espressiva. Questa mostra è nata dalla lunga collaborazione, iniziata nel 1999, dell’artista con la Fondation Cartier e verte, come ha voluto lo stesso Moebius, sul tema della metamorfosi. Quest’ultimo è infatti un motivo che pervade tutta l’opera del grande disegnatore. I suoi personaggi e i suoi paesaggi di fatto sono sempre in corso di trasformazione. In questo senso Moebius coglie il significato più profondo del concetto di essere « mutante » e rivela, attraverso mutazioni graduali o repentine, altri mondi celati dietro le apparenze.
Nella sostanza la mostra sarà composta da quaderni, tavole originali, dipinti e disegni inediti per un totale di circa 300 opere. Vi sarà inoltre la possibilità di vedere due film in anteprima.
Jean Giraud, alias Moebius e Gir, è nato nel 1938. Nel 1963 ha creato la serie Blueberry, che conta oggi una trentina di album, è stato cofondatore di Métal Hurlant e della casa editrice Les Humanoïdes Associés e ha firmato capolavori come Arzach e Garage Ermetico. In seguito ha dato vita con Alexandro Jodorowsky alla nuova serie L’Incal e a vari progetti cinematografici. Nel 1997 ha fondato con sua moglie Isabelle la casa editrice M?bius Production / Stardom.
fondation.cartier.com
Moebius-Transe-Forme
Fondation Cartier pour l’art contemporain
261 Bd Raspail 14° arr. Paris

Trova su Google Maps

Metro
Raspail ou Denfert-Rochereau (linea 4 o 6)
Orario
tutti i giorni dalle 11:00 à 20:00; martedì de 11:00 à 22:00; lunedì chiuso
Biglietti
intero 8,50 euro, ridotto 5,50 euro; gratis il mercoledì pomeriggio per i minori di 18 anni

Laisser un commentaire