Kees Van Dongen, fauve, anarchico e mondano

Un talento folgorante che ha trovato riconoscimento a Parigi negli anni ’20
La mostra è incentrata sul periodo parigino di Kees Van Dongen (1877-1968). Vi sono esposte una novantina di opere tra disegni, nonchè un insieme di bellissime ceramiche realizzate tra la fine dell’800 e l’inizio degli anni ’30.
Pittore olandese inclise alla caricatura e la denuncia sociale, l’artista è stato una delle figure di spicco della corrente « fauve » ed ha vissuto un periodo di grande popolarità sulla scena parigina. Il titolo dell’esposizione evoca in effetti i tre aspetti fondamentali della personalità artistica: la rottura con l’accademia e la ricerca di un’espressività più forte ed immediata di quanto non fossero le sperimentazioni di carettere impressionista; il suo radicalismo politico e il suo temperamento ribello e, infine, il suo aspetto « mondano », ovvero il suo caratterizzarsi come pittore cittadino un po’ sulla scia di Degas e Toulouse-Lautrec.
www.mam.paris.fr
La vasque fleurie, vers 1917, Musée d’Art moderne de la Ville de Paris copyright ADAGP/ Roger Viollet
Kees Van Dongen
Kees Van Dongen, fauve, anarchiste et mondain
Musée d?Art moderne de la Ville de Paris
11 avenue du Président Wilson 75016 arr. Paris

Trouver sur Google Maps

Metro
Iéna o Alma-Marceau (linea 9)
Horaires
Tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00; notturno il giovedì fino alle 22.00; lunedì chiuso
Biglietti
– Intero 10 ?
– ridotto 7.50 ?

Laisser un commentaire