« Paris à l’infini » 10 chilometri di utopia nel cuore di Parigi
Quest’anno la « regia » della notte bianca è stata realizzata da Laurent Le Bon, direttore del Centro Pompidou di Metz che, per questa undicesima edizione della notte bianca parigina, ha pensato ad un percorso cittadino all’insegna della « fluidità ». Fluidità nel senso di seguire la Senna, elemento « liquido » della città, dalla Maison di Radio France (16° arrondissement) fino ad Ivry, nella prima periferia est di Parigi. Questo percorso sarà volto a valorizzare l’architettura della città, sarà bloccato alla circolazione automobilistica e disseminato di una serie di « belvedere » effimeri atti a svelare volti inediti della città. Al contempo saranno aperti al pubblico alcuni luoghi solitamente inacessibili come: la sala « hypostyle » del « Conseil Economique, Social et Environnemental », la parte sottostante il Ponte Alexandre III, il ginnasio Lucien Gaudin, il pianoterra della Biblithèque Nationale Française, che ospita opere di Garouste e di Louise Bourgeois. Naturalmente il percorso sarà disseminato anche di opere d’arte di artisti contemporanei, volte ad animare e ad accentuare il carattere « utopico » della Parigi notturna. Molti gli istituti culturali che resteranno aperti: il Palais de Tokyo, il Musée d?Art Moderne de la Ville de Paris, il Musée Guimet, l?École Nationale Supérieure des Beaux-arts, il Grand Palais, il Petit-Palais, la Cité de l?Architecture et du Patrimoine le Musée des Arts Décoratifs, il Louvre, il Centri Pompidou, l’Istituto del Mondo Arabo, la Biblioteca François Mitterrand, la Maison rouge e la Cinémathèque française.
Visuels parus sur le site www.paris.fr ©Droits réservés
nuitblanche.paris.fr
Nuit Blanche 2012
La notte tra l’6 e il 7 ottobre dalle 19.00 alle 7.00
Notte bianca Parigi 2012

Laisser un commentaire

0

Your Cart