Una mostra che consacra una delle più grandi figure del Jazz, Django Reinhardt, creatore di uno stile tutto nuovo: il jazz manouche
Django Reinhardt appartiene a una famiglia Manouches, gruppo tzigano insediato nell’est della francia con una forte tradizione musicale. Inizia, in seno alla sua famiglia a suonare il violino. poi il banjo, per poi approdare alla chitarra di cui diviene uno dei massimi esponenti in campo jazzistico.
La mostra segue il percorso umano e artistico in quattro tappe: « Musette » e canzoni (1928-1933), Jazz hot (1934-1939), Swing sotto l’occupazione (1940-1944), Sogni d’america, (1944-1950), Notti a Saint-Germain-des-Prés (1951-1953).
Oltre a una collezione di documenti inediti e testimonianze (interviste, esempi sonori, fotografie, copertine di dischi, strumenti) sulla vita e la carriera artistica di Django Reinhardt, il percorso comprende una serie di foto riprese dai più importanti fotografi del’epoca come Eugène Atget, Brassaï, Émile Savitry, Willy Ronis o Robert Doisneau. Ogni venerdì e sabato tra le 19 e le 20 la mostra offre dei concerti gratuiti da non perdere.
www.citedelamusique.fr
© Daniel Kramer
Ascolta qui lo swing di Django Reinhardt
Django Reinhardt
Swing de Paris
Django Reinhardt – Swing De Paris
Cité de la Musique
221, avenue Jean Jaurès
19° arr. Paris


Trova dove cliccando qui

Metro
Porte Pantin (ligne 5)
Orari
Da martedì a giovedì dalle 12 alle 18
Venerdì e sabato dalle 12 alle 22
Domenica dalle 10 alle 18

Notturni il venerdì e il sabato fino alle 22

Chiuso il giorno di Natale
Aperto il primo dell’anno

La vendita dei biglietti finisce 1 ora prima della chiusura

Prezzi
5 euro (- 26 anni)
7 euro (tarif ridotto)
9 euro (adulti)

Laisser un commentaire

0

Your Cart