Gérald Bloncourt, per una vita migliore

Cinquanta foto in bianco e nero scattate tra il ’54 e il 74 parlano dell’emigrazione portoghese verso la Francia, della lotta contro la dittatura di Salazar e del calvario di chi lascio il suo paese per sfuggire alla povertà e alle persecuzioni
Gérald Bloncourt è un fotografo politicamente e socialmente impegnato che, nel corso degli anni ’60, ha svolto vari reportages sulle bidonvilles attorno a Parigi dove andavano ad insediarsi gli immigrati clandestini provenienti dal Portogallo. Entrato in contatto con i militanti contro la dittatura di Salazar, Bloncourt in seguito si è recato più volte in Portogallo dove ha potuto documentare le condizioni di vita e di estrema poverta, oltre che la mancanza totale di libertà. Il fotografo ha seguito gli immigrati lungo il loro percorso a piedi attraverso i Pirenei e le frontiere.
La mostra presenta quindi una serie di foto scattate non solo in Francia, ma anche in Portogallo, in particolare a Lisbona, a Porto e in alcuni villaggi di montagna, e nel corso del grande viaggio verso nord.
www.histoire-immigration.fr
Voyageur portugais à l?arrivée du train Hendaye-Paris en gare d?Austerlitz , Paris 1966 © Gérald Bloncourt / Musée national de l’histoire et des cultures de l’immigration, CNHI
Gérald Bloncourt – Les bidonvilles
Gérald Bloncourt, Pour une vie meilleure
Cité nationale de l?histoire de l?immigration
Palais de la Porte Dorée
293, avenue Daumesnil
75012 Paris

Trova su Google Maps

Métro
Michel Bizot (linea 8)
Orari
da martedì a venerdì 10h – 17h30
sabato e domenica 10h – 19h
Biglietti
Hall Marie Curie – Ingresso libero

Laisser un commentaire