Viaggio attraverso la mostra sulle mille e una notte

“Tutti gli scrittori sono come Sherazade, tutti hanno in loro una minaccia di morte” (Michel Butor).
E’ l’ultimo mese per poter visitare questa bella mostra sulle “mille e una notte” e il suo immaginario. La storia del califfo Shahriyâr che si sposa ogni sera con una donna diversa per poi farla uccidere il giorno dopo, è il motivo per cui Sherazade, figlia del Visir e condannata ad andare in sposa al visir, racconta ogni notte una storia per non essere uccisa. Le storie non hanno mai fine, in modo da dover essere proseguite il giorno dopo.
Questo libro “senza fine” o con “tutti i finali possibili” è singolare come ciò che ha significato nei secoli per l’occidente.
Circa trecento opere permettono la visitatore di comprendere meglio chi realmente fosse il personaggio di Sherazade e di seguire l’opera, dalla sua genesi a dalle sue origini indo-persiane, passando per i racconti arabi del IX° secolo.
Se comunque il testo viene dall’oriente, la sua iconografia è tutta occidentale. Tutte le arti si sono confrontate con le Mille e una notte, dal teatro alla moda, dalla musica al cinema, dalla pittura all’Opera, dalla fotografia alla letteratura, generando una quantità di immagini che nessuna altra opera ha saputo eguagliare.
Questa mostra è quindi una eccellente occasione per conoscere i differenti approcci e per riflettere sull’origine del fascino dell’oriente
http://maghrebdesfilms.fr
Metro
linea 7 – Jussieu, Cardinal-Lemoine, Sully-Morland
Voyage dans l?exposition des mille et une nuits
Institut du Monde Arabe
1, rue des Fossés-Saint-Bernard
Place Mohammed-V
Orari e prezzi
Tutte le informazioni sul sito
http://www.imarabe.org

Lascia un commento